Osteoporosi e nuove terapie

Osteoporosi e nuove terapie

L’osteoporosi è una malattia che in Italia colpisce il 15% della popolazione oltre i 65 anni. Le cause di questo processo di decalcificazione ossea sono varie così come numerosi sono gli studi.

L’ultimo venuto alla ribalta è quello pubblicato su Nature Medicine in cui sono coinvolti ricercatori del Laboratorio genoma umano dell’Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Milano (Itb-Cnr), presso l’Istituto clinico Humanitas di Rozzano (MI).

Ebbene, pare proprio che la scarsa acidità dello stomaco induca un ridotto assorbimento del calcio, il principale minerale somministrato in questa patologia sottoforma di carbonato.

Questo, se fosse vero, vorrebbe dire che occorrerà modificare le sostanze terapeutiche, perchè sembra molto promettente usare al posto del carbonato di calcio, il gluconato.

La scoperta arriva dopo tre anni di sperimentazione condotta su modelli animali e su 13 pazienti affetti da osteopetrosi, una malattia che causa ispessimento delle ossa, ovvero il contrario dell’osteoporosi.

La ricerca è interessante, anche se diventa un pò complicato sapere se abbiamo un difetto di acidificazione che comporta il ridotto assorbimento di calcio.

Speriamo che la ricerca continui perchè se si rivelasse concreta, davvero occorrerebbe rivoluzionare la terapia attuale e dire addio al carbonato di calcio che la fa tanto da padrone in questo campo.

Potrebbe piacerti anche...