Dismenorrea: alleviare i dolori mestruali con la pillola

Dismenorrea: alleviare i dolori mestruali con la pillola

Contro i dolori mestruali la soluzione è la pillola contraccettiva

La dismenorrea è un’’alterazione della regione pelvica e dell’addome che ha come conseguenza la comparsa di disturbi generali e di dolori mestruali, a volte anche particolarmente intensi. La maggior parte delle donne riferisce di avere dolori mestruali per 2-3 giorni al mese, ma che tale sintomatologia è tutto sommato sopportabile, mentre, circa il 15% delle donne, affette da dismenorrea, riporta dei dolori mestruali talmente forti da pregiudicare la qualità della vita quotidiana.

In presenza di dismenorrea, contro i dolori mestruali, un aiuto potrebbe però giungere dalla pillola contraccettiva. Infatti, secondo uno studio triennale condotto dai ricercatori dell’Università di Goteborg, in Svezia, la pillola anticoncezionale potrebbe alleviare i dolori mestruali nelle donne affette da dismenorrea.

La pillola per trattare la dismenorrea: e subito si accende il dibattito

La pillola anticoncezionale, oltre a permettere il controllo delle nascite, è spesso impiegata per il trattamento dell’acne, della sindrome dell’ovaio policistico, dell’endometriosi e di altre numerose patologie di carattere femminile, ma mai nessuno studio aveva confermato la sua valenza nell’alleviare i dolori mestruali causati dalla dismenorrea.

Infatti, precedentemente alla ricerca svizzera dell’Università di Goteborg, uno studio in particolare, condotto dalla Cochrane Foundation, aveva escluso qualsiasi beneficio della pillola contraccettiva sulla condizione di dismenorrea. Insomma, sino a qualche tempo fa la pillola era ritenuta inefficace contro i dolori mestruali poiché mancavano prove che affermassero il contrario.

Ed ecco dunque che si accende il dibattito su chi continua a sostenere l’inefficacia della pillola contro i dolori mestruali e chi invece la ritiene più che valida nel trattamento della dismenorrea, oltre che per altre condizioni patologiche femminili.

Ecco i risultati che dimostrano la validità della pillola contro i dolori mestruali

Per i ricercatori di Goteborg non ci sono dubbi, la pillola contraccettiva è in grado di alleviare i dolori mestruali e di mettere fine ai malesseri provocati dalla dismenorrea. Tale convinzione è data dall’esito dello studio che ha coinvolto 2102 donne, reclutate e suddivise in tre gruppi a partire dal 1981 (ogni gruppo era reclutato a distanza di dieci anni dal precedente). A tutte le donne è stato assegnato un questionario e a 5 anni dall’inizio della sperimentazione, le stesse sono state ricontattate per verificare eventuali cambiamenti circa la loro salute.

I risultati della monitorizzazione hanno evidenziato che vi era una differenza significativa nella gravità della dismenorrea a seconda che le donne usassero o meno la pillola contraccettiva. Ingela Lindh, ricercatrice partecipante allo studio, ha spiegato che “chiaramente non è possibile determinare in quale misura la pillola abbia permesso di alleviare i dolori mestruali, poiché si tratta pur sempre di una percezione del dolore soggettiva nella donna, ma che comunque l’effetto positivo c’è stato ed è innegabile”.

Indicazioni Ema sull’impiego della pillola contraccettiva per la cura della dismenorrea

L’indicazione d’uso data dall’Ema (corrispettivo comunitario dell’Agenzia del Farmaco) in merito all’impiego dei contraccettivi ormonali, non prevede che la pillola anticoncezionale venga impiegata contro i dolori mestruali. In altre parole, i medici che vogliono prescrivere la pillola per alleviare i dolori mestruali delle loro pazienti, sono costretti a prescrivere il farmaco “off label”, ovvero fuori dalle indicazioni ufficiali Ema.

La questione dunque, sta suscitando un acceso dibattito nella comunità accademica, tanto che alcuni medici e specialisti appoggiano appieno la proposta di inserire per la pillola anticoncezionale l’indicazione per il trattamento della dismenorrea tra quelle ufficiali già presenti.

Potrebbe piacerti anche...